Il corpo sonoro. Oralità e scrittura nel jazz

Il corpo sonoro. Oralità e scrittura nel jazz Titolo: Il corpo sonoro. Oralità e scrittura nel jazz
Autore: Davide Sparti
Traduttore:
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2007
Pagine: 237 p.
EAN: 9788815119292

Ho ascoltato il mio lavoro almeno una volta: quando l’ho scritto”. Questa affermazione di Arnold Schönberg illustra bene la sua idea che l’esecutore serva solo a rendere la musica comprensibile per un pubblico tanto sfortunato da essere incapace di leggere le note a vista. In una simile prospettiva ogni esecuzione è una forma di corruzione rispetto all’ideale purezza dell’opera in sé. Come è emersa questa coincidenza fra partitura testuale e “vera” musica? E con quali conseguenze? Come è stato possibile che un caso limite di forma musicale, l’opera scritta, sia arrivato a costituire il paradigma con cui si pensa la musica in generale? Secondo Sparti, la tradizione europea, diversamente da quella di origine africana, non ha saputo cogliere nell’eccitazione di quella massa vibrante che è il corpo umano la fonte primaria dell’espressività musicale. Il jazz, nel quale opera ed esecutore coincidono, fa ascoltare una musica corporea “suonata” da pelle, bocca, lingua, labbra, braccia, torace, mani. Il jazzista valorizza così la funzione più nuda del linguaggio: “respiro sonoro che esce dalla carne”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *