THe well-read cat. From the national library of France

THe well-read cat. From the national library of France Titolo: THe well-read cat. From the national library of France
Autore: Michèle Sacquin
Traduttore:
Editore: Officina Libraria
Anno edizione: 2010
Pagine: 208 p., ill.
EAN: 9788889854563

EDIZIONE IN LINGUA INGLESE. Sotto la penna di Michèle Saquin, conservatrice alla Biblioteca nazionale di Francia, scopriamo che i «gatti di biblioteca» passeggiano a centiania sulle pagine dei libri, si rincorrono sui margini dei manoscritti medievali, si accucciano tra l’Adamo ed Eva di Dürer o fanno capolino dalla miniatura dell’arca di Noè. Selvatici o domestici che siano finiscono tutti nelle classificazioni di naturalisti come Buffon, che li detesta, o glorificati nei trattati di Paradis de Montcrif e Champfleury, che li adorano. Candidi o lascivi posano per Callot, Hiroshige, Utamaro, Steinlen o Manet, Bonnard, Dufy, Picasso. Incarnano ogni sorta di ambiguità semantica grazie a Boucher, Toulouse-Lautrec, Foujita o Jules Chéret, e i loro «begli occhi in cui l’agata si mescola al metallo», celebrati da Baudelaire, si fissano per l’eternità nell’obiettivo dei fotografi. Sorridenti secondo Grandville, o con gli stivali per Gustave Doré, spesso caustici e quasi mai innocenti, i gatti popolano le favole: da Esopo ai cantastorie persiani, da La Fontaine a Collodi, fino a guadagnarsi un posto nel panteon delle muse, condividendo l’intimità di poeti e scrittori come Montaigne, Hoffmann, Carroll, Hugo, Lear, Colette, Eliot, Kipling, Neruda…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *