Zeroville

Zeroville Titolo: Zeroville
Autore: Steve Erickson
Traduttore:
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2008
Pagine: 184 p.
EAN: 9788845260469

Cinefilo allo spasimo, Erickson, eppure, allo stesso tempo, un passo oltre, e altrove: nei territori del sogno. Forse, a una prima lettura, “Zeroville” potrebbe sembrare un romanzo su Hollywood, carico com’è di citazioni e rimandi ellittici da iniziati, un romanzo per cinefili, uno di quei libri che escludono appunto tutti quelli che iniziati non lo sono neanche un po’. Ma sarebbe fermarsi al primo livello, perché non è un romanzo su Hollywood – o almeno, non solo, perché certo è anche questo – è un romanzo come ha dichiarato il suo stesso autore in un’intervista, che parla piuttosto di come il cinema, i film, siano diventati parte integrante del sistema nervoso contemporaneo. Il cinema ha cambiato le nostre percezioni, il nostro modo di interpretare la realtà, suadente e persuasivo ci ha accompagnati nel corso del tempo in territori al tempo stesso affascinanti e mostruosi, rassicuranti e terrificanti. E parte integrante del nostro immaginario, così come lo sono i sogni che facciamo la notte, e che si mescolano alle esperienze reali: questo è il tessuto della nostra vita, la trama fitta in cui arte e vita si intrecciano senza che sia più possibile districare un filo dall’altro”. (Dalla postfazione di Simona Vinci).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *